Sistemi di Allerta: Codice della Crisi e AQR. L'impatto su Imprenditori, Banche e Professionisti

Da inizio anno sono 168 i default delle imprese con Ricavi 2017 maggiori di 500.000 Euro. 97 (il 58%) aveva un Cash Flow Operativo Maggiore di Zero. 1,5 Miliardi il Totale dei Debiti a Bilancio, quasi 4.000 i posti di lavoro persi.

Nonostante il 92% delle imprese presentavano chiari ed evidenti segnali della crisi sui bilanci 2017 (due anni prima del default), non è stato possibile intervenire in tempo e chissà se, qualora ce ne fossero, sarà possibile attribuire le responsabilità.

Il nuovo Codice della Crisi e il Manuale per l’Asset Quality Review delle Banche (AQR), che impongono l’adozione di Sistemi in grado di identificare in modo precoce i segnali di crisi aziendale, anche i più deboli, dovrebbero consentire di ridurre i casi i cui i creditori vengono colti di sorpresa nonché i casi in cui i default sono stati originati da comportamenti inappropriati da parte di manager e imprenditori.

Gran parte dei maggiori oneri derivanti dall’adoazione di opportuni sistemi di monitoraggio ricadono sugli Imprenditori, chiamati a maggiori e più pressanti controlli; un esempio: a partire da 2 Milioni di Euro di Ricavi scatta anche l’obbligo de Collegio Sindacale. I maggiori controlli non sono solo a carico degli imprenditori ma anche di Revisori Manager, Sindaci, Creditori ordinari, Fisco, Enti Previdenziali a cui sono attribuiti nuovi obblighi, responsabilità e costi, legati al monitoraggio e alla gestione dei segnali precoci di difficoltà aziendale (Early Warnings).

Alle Banche, dall’altro, viene imposto un meccanismo di incremento degli accantonamenti patrimoniali basato sullo “Staging” ovvero sulla classificazione delle imprese in base a una serie di indicatori (Minimum Trigger) le cui variazioni possono limitare o impedire la finanziabilità delle Imprese o comunque rendere anti-economica o eccessivamente rischiosa la relazione.

Quale sarà l’impatto sui processi organizzativi interni? Quale l’impatto sul PIL e sull’economia reale?

In attesa di conoscere dall’Ordine Nazionale dei Commercialisti quali indicatori saranno introdotti per monitorare lo stato di salute aziendale, proveremo a rispondere a queste ed altre domande insieme ad imprenditori, banche, e professionisti.

Sarà presentato l’analisi Leanus-BeBeez dei default 2018 e del primo trimestre 2019 nonché le evidenze di uno studio condotto su un campione di 3000 imprese piemontesi

Programma

9:30 – 10:00 Registrazione Partecipanti

10:00 – 10:30 Saluti e Apertura lavori – Rettore Vicario Prof. Giuseppe Paolone – Università Pegaso

10:30 – 11:15 Sistemi di Allerta e AQR, l’Impatto sull’Economia Reale – Dott. Alessandro Fischetti – Leanus

11:15 – 11:45 Dott. Claudio Patalano CEO della Patalano & Associati, Dottore Commercialista e Revisore Legale

11:45 – 12:15 Giuseppe Apicella Guerra (Banca Promos)

12:15 – 12:30 Il Cruscotto per il monitoraggio degli indicatori della crisi – Dott. Stefano Carrara – Leanus

12:30 – 12:45 Q&A 

12.45 – 13.00 Chiusura lavori – Prof. Vincenzo Perrone – Università Bocconi

TUTTI I DETTAGLI – DATA, ORA E LUOGO CLICK QUI

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Next Post

Processi innovativi digitali per i Ponti e le Infrastrutture

Share this on WhatsApp Da inizio anno sono 168 i default delle imprese con Ricavi 2017 maggiori di 500.000 Euro. 97 (il 58%) aveva un Cash Flow Operativo Maggiore di Zero. 1,5 Miliardi il Totale dei Debiti a Bilancio, quasi 4.000 i posti di lavoro persi. Nonostante il 92% delle […]
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial